C1 categoria catastale, negozi e botteghe

Comment

Categoria catastale
Pubblicità

c1 categoria catastale, i negozi e le botteghe

Sebbene c1 categoria catastale probabilmente poco dirà a molte persone, essa è classe che identifica, al catasto, la grande varietà di negozi e botteghe che esistono sul territorio italiano. Ci riferiamo dunque a tutti quei locali che sono occupati da barbieri, da ricevitorie della posta, da agenzie bancarie o assicurative, da orologiai, le esattorie delle imposte, dai vari banchi del lotto ed anche degli ambulatori medici, solo per citarne alcuni esempi. In genere la caratteristica principale delle unità immobiliari rientranti nella categoria catastale c1 è quella di avere un ingresso sulla strada pubblica e, in ogni caso, quelle peculiarità che facciano ricondurre il locale in questione a quella che normalmente è una bottega o comunque una ricevitoria. Per informazioni generiche sulle classi catastali leggete il seguente articolo:  Categorie e classi catastali, conosciamole tutte.

Pubblicità

Ulteriori notizie sulla categoria catastale c1

c1 categoria catastale

c1 categoria catastale

Com’è risaputo nei negozi si effettua la vendita, prevalentemente al dettaglio delle merci e dei prodotti di uso quotidiano e non. Tuttavia, nei locali che rientrano nella categoria catastale c1 ci sono anche quei locali in cui vi è la prestazione di servizi che si accompagna alla vendita. Questo, ad esempio, è ciò che accade nei ristoranti, nei bar, nelle trattorie e in locali simili. La nuova normativa in materia di Imposta Municipale Unica (IMU) ha previsto che, almeno per il momento, non interverrà alcun alleggerimento fiscale né per negozi né per botteghe che continueranno a pagare il contributo fiscale sino all’ultimo centesimo, quasi come se fossero equiparate a delle abitazioni di lusso per le quali sicuramente delle agevolazioni non sono affatto previste. Un autunno, quindi, che certamente non si preannuncia ben augurante per i negozi che già devono fronteggiare il drastico calo dei clienti (più o meno per ogni settore) dovuto alla dilagante crisi economica che ha colpito soprattutto le piccole imprese e i cittadini meno ricchi della nazione.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *