Regolarità catastale: di cosa si tratta

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Regolarità catastale: di cosa si tratta

Si evidenzia una condizione di regolarità catastale se l’immobile soggetto a controllo può contare sulla completa corrispondenza con la realtà per quanto riguarda le planimetrie catastali e la descrizione della stessa unità immobiliare, dei dati che devono essere presenti nella banca dati dell’Agenzia dell’Entrate. La regolarità catastale è indispensabile per pagare correttamente le imposte relative al bene immobiliare tra cui l’IMU per non incorrere in sanzioni. Per avere un bene immobiliare in regola con il catasto in caso di lavori di ristrutturazione significativi è bene valutare quando è necessaria la variazione catastale dal momento che vi sono alcuni lavori anche in assenza di opere edilizie, come ad esempio la deruralizzazione, che richiede la presentazione della variazione catastale all’Agenzia dell’Entrate entro 30 giorni dall’avvenuta modifica. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di: http://www.legislazionetecnica.it/3863790/prd/pagina-informativa/la-regolarit%C3%A0-catastale-nelle-compravendite-immobiliari.

Pubblicità

La conformità catastale oggettiva

regolarità catastale

regolarità catastale

La regolarità catastale negli atti e nei contratti è soggetta a regolamento, in tal caso si deve far riferimento all’art. 29, comma 1-bis, della L. 28/02/1985, n. 52, in questa normativa vengono segnalate le caratteristiche che devono presentare gli atti notarili e le scritture private autenticate tra vivi che riguardino il trasferimento, la costituzione o lo scioglimento di comunione della proprietà o di altri diritti reali su fabbricati già esistenti, si tratta dei seguenti elementi: l’identificazione catastale completa (sezione, foglio, numero di mappale e di eventuale subalterno); il riferimento alle planimetrie depositate in catasto; la conformità catastale oggettiva. Nello specifico si parla di conformità catastale oggettiva quando gli intestatari rilasciano una dichiarazione al momento di sottoscrizione dell’atto notarile o delle scritture private dove si sottolinea la conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie, sulla base delle disposizioni vigenti in materia catastale, oppure in alternativa dell’attestazione della conformità rilasciata da un professionista tecnico abilitato che può regolarmente presentare gli atti di aggiornamento dei dati catastali.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *