Variazione per demolizione totale o parziale: dichiarazione catasto

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Variazione per demolizione totale o parziale: dichiarazione catasto

Il sistema di censimento degli immobili prevede l’accatastamento di ogni immobile presente sul territorio nazionale in una determinata categoria, è necessario poi provvedere alla dichiarazione catastale di specifici interventi che modificano l’identificazione di un immobile, come nel  caso di una variazione per demolizione totale o parziale. Nel caso di demolizione si può trattare di un interventi che possono riguardare una o più unità immobiliari, oppure può interessare l’intero edificio in base alla stessa entità del lavoro si determinano diverse implicazioni. Se si esegue una demolizione totale di un fabbricato, con tipo mappale si eliminano le geometrie superflue presenti nella mappa e si conferisce un nuovo numero, qualora l’area conservi la natura urbana allora si deve presentare la dichiarazione DOCFA, per segnalare la soppressione dei beni precedentemente censiti a cui ha fatto seguito la costituzione di una nuova area che viene riconosciuta da un nuovo identificativo particellare di catasto terreni. In caso di ricostruzione nell’area si deve eseguire l’aggiornamento catastale attraverso la presentazione di un nuovo tipo mappale e con la dichiarazione di nuova costruzione al catasto edilizio urbano, nella circostanza che l’area venga destinata alla produzione agricola si richiede nella relazione del tipo mappale l’intestazione alla partita ordinaria con la destinazione d’uso che identifica l’area di fabbricato demolito. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di http://www.categoriecatastali.it/la-nuova-categoria-catastale-f7/.

Pubblicità

Demolizione parziale

variazione per demolizione totale o parziale

variazione per demolizione totale o parziale

In caso di demolizione parziale, con il tipo mappale si procede all’aggiornamento della mappa catastale e con dichiarazione di variazione che segnala il mutamento dello stato delle unità immobiliari in precedenza censite che sono state soggette a demolizione. Un’altra evenienza può prevedere i lavori di smantellamento mobiliare che riguardano un bene comune censibile o non censibile a più unità immobiliari. Quando si richiede di accatastare un bene si deve inviare la domanda corredata da: tipo mappale; elaborato planimetrico (che non è obbligatorio se non si identificano beni comuni e se in precedenza non registrato nel catasto);  planimetria per ciascuna porzione.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *